Le 4 cose che dovete assolutamente fare o vedere nel Parco Nazionale d’Abruzzo

Vado ormai da molti anni nel Parco Nazionale d’Abruzzo, ho imparato ad amare tanti luoghi e molti altri li devo ancora esplorare. Penso che possa essere utile però, per chi non conosce troppo bene la zona, fare una TOP 4 delle cose da fare e vedere nel parco.

1 – La Val Fondillo

Si raggiunge percorrendo la strada statale 83 Marsicana, verso Villetta Barrea. A circa 1,5 Km dal bivio per il piccolo borgo di Opi, evidenti indicazioni sulla destra conducono al parcheggio del centro informazioni posto all’inizio della Valle.
Da qui inizia il percorso adatto davvero a tutti che conduce all’interno di Val Fondillo, contornata da stupende montagne e con la sua natura lussureggiante. Dalla strada principale partono diversi sentieri con diversa difficoltà che portano in luoghi davvero magici quali Monte Amaro (sentiero F1 che inizia dal ponticello in legno sul fiume fondillo, difficoltà EE) oppure la grotta delle fate (sentiero F2, difficoltà T).
Personalmente consiglio una sosta sul bellissimo prato ,leggermente in salita, prima della sorgente di Acqua Sfranatara sul sentiero che porta alla grotta delle fate. Nei mesi più caldi è il luogo ideale per fare un bel pic-nic o riposarsi un po. Anche il prato che compare dopo il ponticello sul fiume sul sentiero che conduce a Monte amaro merita una sosta al sole!

2 – Pescasseroli

E’ il vero cuore pulsante del Parco Nazionale d’Abruzzo. Il suo centro storico è davvero caratteristico e si anima ancora di più in occasione del mercatino dell’antiquariato la quarta domenica di ogni mese. Consiglio di visitarlo durante il periodo Natalizio in cui, alla magia della neve che cade molto spesso si aggiungono centinaia di presepi costruiti dalle persone del paese che riescono a restituire lo spirito natalizio anche ai cuori più duri. Consiglio, inoltre, di farsi una bella passeggiata verso il cimitero del paese, quando c’è il sole e magari affrontare la salita attraverso il bosco alle rovine di Castel mancino. Per gli appassionati di Basket come me, non può mancare una tappa ai campi all’aperto che si trovano in località Prati Alti dove, giocare all’aperto immersi nella natura, non ha davvero prezzo.

3 – Barrea

Borgo molto caratteristico che sovrasta l’omonimo lago artificiale che è adagiato in altezza tra uno sperone roccioso e il lago stesso. Le vie del centro storico meritano una visita approfondita così come la torre e i Castello dai quali si può ammirare una vista mozzafiato sulle montagne da un lato e sul bacino aquifero dall’altro. Nei periodi meno affollati non è impossibile incontrare nelle piazzette del paese qualche orso sceso dalle montagne in cerca di cibo che compie qualche scorribanda.



4 – Percorrere con la macchina la strada che da Opi porta a Villetta Barrea e viceversa di notte

Consiglio di percorrere questa strada di notte in macchina a bassa velocità perchè molto spesso è facile incontrare qualche cervo che la attraversa per andare dal bosco al fiume sottostante a bere. L’incontro con un cervo è sempre un’esperienza emozionante, soprattutto se si tratta di un imponente cervo maschio che ha dimensioni davvero notevoli. Se avrete la fortuna di incontrarlo rispettate i suoi tempi di attraversamento e soprattutto godetevelo in pieno silenzio senza disturbarlo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *